Cookie Consent by Free Privacy Policy website

L'invecchiamento come malattia

24/01/2024


Nel 1861 l'aspettativa di vita media in Italia, escludendo i morti con età inferiore ai 5 anni, era di circa 49 anni. Oggi è di 82 anni. Questo successo si è raggiunto grazie al progresso, ovvero acqua pulita e salubre, maggiore pulizia, cibi meglio preservati, miglioramento dell’alimentazione in termini di varietà e quantità, introduzione dei vaccini e degli antibiotici, progresso scientifico. Questi fattori hanno diminuiti fortemente la mortalità infantile e hanno contribuito a debellare alcune malattie e a convivere con delle altre, allungando la vita media. Ma se guardiamo gli ultimi 60 anni, dal 1961 al 2021, la vita media è aumentata di soli 12 anni. Negli Stati Uniti è la prima volta che si assiste addirittura a una diminuzione.

Questo perché siamo arrivati a una longevità malata, ovvero a vivere gli ultimi 20/30 anni di vita con patologie croniche e multiple. Di fatto la scienza negli ultimi decenni si è impegnata a combattere malattie croniche quali il cancro, l’Alzheimer, il diabete, le malattie cardiovascolari, malattie che assorbono la maggior parte del budget sanitario. Pensate che negli Stati Uniti oltre l’80% della spesa sanitaria è destinata alle malattie croniche! Da qui l’impegno della scienza a combattere tali patologie.

Ma se il focus fosse sbagliato? 

Facciamo un esempio per comprendere meglio: se un rubinetto perde, possiamo mettere sotto al tubo un secchio per raccogliere l’acqua, svuotando il secchio di tanto in tanto. Oppure possiamo risalire al punto preciso della perdita, sanare il tubo e risolvere il problema all’ORIGINE.

Le malattie croniche sono la conseguenza dell’invecchiamento, sono il tubo che perde, mentre l’invecchiamento è la vera malattia, che va affrontata all’origine per prevenire le malattie croniche. L’obiettivo non è il giovanilismo imperituro, ma la garanzia di una vita al massimo delle potenzialità, in base alla propria età. Ovvero una vita in salute e autonomia fino alla fine, riservando all’ultima parte una malattia acuta che conduca alla morte dell’organismo.

placehold

Invecchiare di fatto è il risultato dell'accumulo biologico del danneggiamento cellulare.

Questo danno inizia prima della nascita. Dopo il concepimento, le nostre cellule iniziano a moltiplicarsi, duplicandosi. E’ cosi che si formano, crescono e si rigenerano i nostri tessuti.

Appena si replicano, le cellule possono presentare degli errori. Fino all’età di 30 anni siamo in grado di rigenerare cellule e tessuti. Dai 30 anni in poi, questo processo non funziona più perfettamente e subentra quindi l’invecchiamento.

COSA SIGNIFICA INVECCHIARE

Qui di seguito i principali segnali:

placehold

Ma perché alcune specie viventi invecchiano prima e altre meno? Come sapete, il cane, ad esempio, invecchia 7 volte più velocemente dell'uomo. Nel 1980 si è scoperto un primo indizio: i cromosomi hanno dei “cappucci” chiamati telomeri che con l'età si accorciano. Quando si accorciano troppo, non proteggono più i cromosomi.

Dovremmo quindi far sì che i telomeri non si accorcino. A tal fine bisognerebbe modificare le nostre cellule. Si è scoperto, ad esempio, che le cellule cancerogene hanno questa capacità.

In realtà il puzzle non è ancora stato risolto!

Tra i numerosi studi sulla longevità, sti stanno analizzando le abitudini dei centenari nelle Zone Blu, alcune aree del mondo in cui c’è un’alta concentrazione di anziani oltre i 90 anni di età.

Alimenti non processati, mangiare all’80% della sazietà, vita attiva in continuo movimento, alto grado di socializzazione sono le principali ragioni della longevità in queste aree

placehold

L'obiettivo della longevità oggi non è l’immortalità ma è cambiare la faccia dell'invecchiamento, consentendo di vivere in salute e autonomia gli ultimi 30 anni di vita. Lo scopo è proprio quello di evitare l’insorgere di malattie croniche e la conseguente scadente qualità della vita.

Il fatto che la scienza si stia indirizzando verso la cura della vecchiaia, non solo delle malattie croniche, è una rivoluzione copernicana.

Happygenix è un metodo di medicina integrata che contribuisce a rallentare l’invecchiamento fisico e mentale e a combattere l’infiammazione cronica silente. Agisce sullo stato di salute subottimale, apripista di diverse patologie, anche gravi, per garantire invece uno stato di salute ottimale, con massimi livelli di energia, assenza di dolore e piena potenzialità in ogni fase della vita.

Prenota una visita

Prenota una visita al 338 6530948